1.  


  2. {Il primo di settembre mi è sempre sembrato un secondo primo dell’anno, senza il cerchio alla testa del veglione.
    E mi ha anche sempre un po’ consolato alla
    ‘ehi, non ti preoccupare, se è stata tutta una merda, hai ancora qualche possibilità che le cose cambino’.
    Fino ad ora quest’anno è stato piacevole, anche se denso di cambiamenti, di trasferimenti, di persone che c’erano e che se sono andate, di altre che non esistevano e che ora sono t a n t o.
    E allora questo questo primo di settembre non deve risolvere poi molto, anche perché sarà già tostissimo di suo.
    Una cosa però mi tranquillizza. Sta iniziando una specie di anno nuovo e sta partendo di lunedì, un inizio giusto, puntuale, ordinato, che magari mi farà mettere in pari con i miei ritardi.

    O almeno spero }

     

  3. incitare amicineamichette al loro ultimo esame.

    o g g i.

     


  4. dormire da solo, hai spazio
    puoi rotolarti nel letto
    puoi fare capriole
    cunìculi sotto le coperte
    metterti a sghimbescio
    mangiare i crekers sbriciolosi
    e altro
    ma non puoi
    accucchiaiarti a un corpo femmina
    che gli fai quella cosa spaziale
    da dietro
    che con la mano le prendi la tetta superiore
    e ti assopisci
    con il calore
    della sua schiena
    sulla tua pancia
    e se sei fortunato
    i vostri respiri
    andranno via all’unisono
    la tua pancia
    la sua schiena
    la sua nuca
    le tue braccia
    i piedi nei piedi
    che si carezzano
    tenendo il tempo della notte
    fottendosene del regno dei cieli

    guidocatalano


    {p r e s t o}

     


  5.  


  6. VOGLIO VIVERE IN UN FILM DI RICHARD CURTIS.

     

  7. piacere, sono una thailandese miope.

     

  8. {jack jaselli, molecole festival 2o14}

     

  9. {sono la bimba più ffelice del mondo}

     

  10. amiche che ti conoscono alla perfezione e che ti regalano cose così g g g i u s t e.

     


  11. Al mondo esistono due tipi di persone: le donne e gli uomini. Sole Finn poteva essere considerata, sotto ogni aspetto, una ragazza come tante. Che Tom Hansen potesse esserne colpito in una città con 400.000 uffici, 91.000 edifici commerciali e 3.800.000 abitanti lo si può spiegare soltanto in un modo:

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

    era destino.

     

  12.  

  13. {{hi autumn}}

     


  14. e una delle cose migliori di questo 2o14 è stata quella di aver eliminato la mia dipendenza da smalto colorato.
    e ora tutti quei coloracci sulle unghie mi sembrano taaaaaaanto ridicoli.

    ah. e poi sì. quella da nicotina.
    ma lo smalto nero faceva più mmale.

     


  15. se frugo nell’armadio trovo persone che non esistono più.
    mi spiazza sempre constatare quante me stessa io abbia ucciso.
    quante identità io abbia fatto sparire.
    se penso alle amicizie succede la stessa cosa.
    quante amiche mi ero legata con doppio filo e altrettante ho lasciato sciogliere dai miei polsi.
    oggi riguardavo le foto dei capelli biondi di quella mia Amica. quella favoritafavoritissima. e non mi manca,
    non mi manca affatto.
    anzi mi pare di respirare meglio da quando camminiamo da sole.
    mi pare di stare meglio.
    di non dover più vestire i panni di un’altra.

    e quindi,a volte lasciar andare, non restare aggrappati, è la cosa più adatta da fare.